Sedi

Il mondo in prospettiva

Il mondo in prospettiva

ITALIA: LE NOSTRE RADICI
Dal 1951, il quartier generale del Gruppo si trova a Prato, nel cuore di un distretto tessile che molto ha contribuito al successo della moda italiana nel mondo.
Al forte radicamento sul territorio e alla piena padronanza delle dinamiche del settore, dobbiamo il patrimonio di competenze che caratterizza oggi la presenza di Brachi sul mercato e che continua a rappresentare il primo alimento ai nostri progetti di crescita su scala internazionale.

CINA: CASA ITALIA
Brachi Testing Services è l’unico laboratorio italiano presente in Cina con una propria struttura operativa e anche il solo abilitato a emettere rapporti di prova con valore legale nel paese. Una condizione esclusiva che fa del nome Brachi una garanzia di qualità assoluta per le aziende della moda e del tessile con interessi in questo complesso mercato.
L’accordo con la Dogana di Shangai ci consente di assistere i clienti registrati minimizzando gli obblighi di campionamento e verifica dei prodotti in arrivo. Un’alternativa pratica è rappresentata poi da Gate Hangzhou, una partnership con l’autorità di controllo delle Dogane dello Zhejiang, la Zhejiang CIQ, che ci permette di gestire direttamente tutte le attività d’ingresso dei prodotti in Cina.

BANGLADESH: IL FUTURO OGGI
Nel 2015 si concretizza il progetto di aprire una sede operativa a Dhaka, in Bangladesh, rilevando il laboratorio della maggiore associazione nazionale di produttori di abbigliamento, la BGMEA.
L’obiettivo, subito raggiunto, è di farne un ente terzo in grado di emettere rapporti di prova imparziali, un laboratorio specializzato all’avanguardia tecnologica in grado di supportare i brand presenti nel paese con proprie produzioni nell’attività di testing così come nei servizi di consulenza tecnico-normativa. E con standard di qualità garantiti Made in Italy. 

Brachi contributor di ZDHC

Cresce il supporto delle aziende al programma di Zero Discharge of Hazardous Chemicals

C’è anche Brachi Testing Services fra i sette nuovi membri di Zero Discharge of Hazardous Chemicals (ZDHC), il sodalizio internazionale di aziende che, operando nel e per il settore della moda hanno deciso di lavorare insieme per ridurre l’utilizzo delle sostanze chimiche in produzione a tutela dei lavoratori, dei consumatori e dell’ambiente.

Turchia, nuovi controlli sulle calzature

Le sostanze interessate sono il Cromo VI e il Dioctilstagno

Ha avuto ufficialmente inizio il 10 luglio scorso il nuovo controllo specifico sui prodotti calzaturieri annunciato con circolare interna dal Ministero dell’Economia turco. Il controllo riguarda in particolare i contenuti di Cromo VI e Dioctilstagno sottoposti a restrizioni. Il Ministero aveva già condotto un controllo analogo sugli Ftalati.

REACH, conto alla rovescia!

Meno di un anno per adeguarsi agli obblighi previsti dal regolamento UE in materia di sostanze chimiche

Scadrà il 1° giugno 2018 il lungo periodo transitorio previsto dal Regolamento CE 1907/2006, meglio noto come REACH, entrato in vigore nel 2007 con l’obiettivo di razionalizzare il precedente quadro legislativo in materia di sostanze chimiche dell’Unione Europea. Le aziende che non si sono organizzate, hanno ancora pochi mesi di tempo.