Sostenibilità

Sostenibili si diventa

Sostenibili si diventa

Cosa s’intende per sostenibilità e chi ne è interessato? Che cos’è un piano di sviluppo sostenibile e come fare a svilupparlo, a gestirlo, a comunicarlo? Attraverso quali strumenti tecnici e informatici?
A tutte queste domande Brachi è in grado di offrire risposte puntuali e concrete, grazie all’esperienza maturata nel campo della sostenibilità di prodotto e alla rete di competenze creata per supportare le aziende anche a livello di processi e tecnologia.

Questa rete si chiama 4sustainability ed è una società costituita da Brachi e Process Factory per offrire alle imprese – a quelle che operano nel settore della moda, in particolare – un supporto completo per sviluppare, gestire e comunicare progetti e azioni coerenti ed efficaci per lo sviluppo sostenibile.

4sustainability è un luogo aperto d’informazione e confronto concepito per mettere ordine in una materia dove le fonti abbondano ma mancano di un’organizzazione logica e di interpreti credibili.

Per approfondimenti e contatti, www.4sustainability.it

Brachi contributor di ZDHC

Cresce il supporto delle aziende al programma di Zero Discharge of Hazardous Chemicals

C’è anche Brachi Testing Services fra i sette nuovi membri di Zero Discharge of Hazardous Chemicals (ZDHC), il sodalizio internazionale di aziende che, operando nel e per il settore della moda hanno deciso di lavorare insieme per ridurre l’utilizzo delle sostanze chimiche in produzione a tutela dei lavoratori, dei consumatori e dell’ambiente.

Turchia, nuovi controlli sulle calzature

Le sostanze interessate sono il Cromo VI e il Dioctilstagno

Ha avuto ufficialmente inizio il 10 luglio scorso il nuovo controllo specifico sui prodotti calzaturieri annunciato con circolare interna dal Ministero dell’Economia turco. Il controllo riguarda in particolare i contenuti di Cromo VI e Dioctilstagno sottoposti a restrizioni. Il Ministero aveva già condotto un controllo analogo sugli Ftalati.

REACH, conto alla rovescia!

Meno di un anno per adeguarsi agli obblighi previsti dal regolamento UE in materia di sostanze chimiche

Scadrà il 1° giugno 2018 il lungo periodo transitorio previsto dal Regolamento CE 1907/2006, meglio noto come REACH, entrato in vigore nel 2007 con l’obiettivo di razionalizzare il precedente quadro legislativo in materia di sostanze chimiche dell’Unione Europea. Le aziende che non si sono organizzate, hanno ancora pochi mesi di tempo.