Vision & Values

Originalità, affidabilità, reattività sono i valori distintivi di Brachi.

Muoviamo la qualità

Muoviamo la qualità sintetizza il nostro modo di fare impresa, la volontà di portare avanti la tradizione in chiave sempre più innovatrice e dinamica.

Ogni decisione assunta, ogni comportamento adottato e preteso dai nostri collaboratori, ogni promessa di risultato hanno in comune l’idea che la qualità sia il mezzo e il fine ultimo dello sviluppo.

Crediamo nella professionalità, nella riservatezza e nella capacità di interpretare le esigenze delle imprese attraverso un carnet di servizi scalabili e personalizzati.

Siamo originali perché sappiamo cose che gli altri non sanno e che mettiamo a disposizione delle imprese attraverso soluzioni inedite per la competitività.

Siamo affidabili perché pensiamo che i rapporti – con i clienti e con i nostri stessi collaboratori – acquistino valore nel tempo.

Siamo reattivi perché ci impegnamo costantemente a migliorare i nostri tempi di risposta nel servizio e nella raccolta degli input proposti dal mercato. 

La Russia verso la tracciabilità totale

In vigore da gennaio l'obbligo di etichettatura con microchip

È entrata in vigore il 1° gennaio, in Russia, la normativa 28 aprile 2018 N° 792-r sull’obbligo di etichettatura con microchip di diversi prodotti di consumo, ultima tappa di un percorso avviato due anni fa e destinato, negli intenti del governo nazionale, a fare del paese il primo al mondo a tracciabilità totale.

Regolamento REACH sugli ftalati

In vigore da gennaio il nuovo testo della restrizione 51 dell’allegato XVII al REACH

È entrato in vigore a gennaio il nuovo testo della restrizione n. 51 dell’allegato XVII al Regolamento REACH relativa agli ftalati, sensibilmente modificato dal Regolamento UE 2018/2005. Finora, la restrizione limitava il contenuto di bis(2-etilesile), dibutilftalato e benzilbutilftalato nei giocattoli e negli articoli di puericultura.

Microplastiche: è il turno di New York

Una nuova proposta di legge per l'etichettatura dei capi con oltre il 50% fibre sintetiche

Dopo la California, dove è in dirittura d’arrivo la legge che renderà obbligatoria l’etichettatura dei capi d’abbigliamento che contengono oltre il 50% di fibre sintetiche, anche lo Stato di New York si è attivato per imporre un’etichetta speciale. Obiettivo: sensibilizzare il consumatore sull'inquinamento da microplastiche.