21 luglio 2017

Turchia, nuovi controlli sulle calzature

Le sostanze interessate sono il Cromo VI e il Dioctilstagno

Ha avuto ufficialmente inizio il 10 luglio scorso il nuovo controllo specifico sui prodotti calzaturieri annunciato con circolare interna dal Ministero dell’Economia turco. Il controllo riguarda in particolare i contenuti di Cromo VI e Dioctilstagno sottoposti a restrizioni.

Il Ministero aveva già condotto un controllo analogo sugli Ftalati nelle calzature in fase di pre-sdoganamento. Poi, con apposito bando del 29 giugno del Dipartimento Sicurezza Prodotti e Audit di Sorveglianza, ha annunciato un nuovo controllo addizionale.

Secondo la nota interna del Ministero, i prodotti calzaturieri saranno sottoposti ai controlli per le restrizioni sotto specificate in sede di dogana:

- Cr VI (Cromo VI): gli articoli contenenti parti in pelle a contatto con la cute non possono essere immessi sul mercato nel caso anche solo una di dette parti contenga Cromo VI in concentrazione pari o superiore a 3 mg/kg.

- DOT (Dioctilstagno): le calzature o le parti di calzature destinate a entrare in contatto con la cute non devono avere una concentrazione di DOT superiore allo 0,1% in peso di stagno.

Condividi